Set 05

Antenna QFH ad Elica quadrifilare in rame.

Questa antenna risulta molto più silenziosa e selettiva della turnstile, comincia a ricevere a partire da 1° di elevazione ed è lineare fino a 90°.

COSTRUZIONE:

Il disegno di G0HPO (foto successiva) è molto dettagliato e non ci sono difficoltà durante la costruzione.

MATERIALE UTILIZZATO:

 

5,5 Mt. di tubo in rame diametro 6 mm.

N° 8 curve a 90° in rame F/F diametro 6 mm.

1,5 Mt. di tubo plastica diam 32 mm per il supporto.

Piatto in teflon di dimensioni cm 10 X 10 X 1,5.

1,5 Mt. di cavo coassiale rg58.

N° 1 presa per PL 259.

Fonte https://officinahf.jimdo.com/antenne-satelliti/antenna-elica-qfh-in-rame/

 

ALTRO PROGETTO:

 

In assoluto, la miglior antenna per “captare” i segnali APT trasmessi dai satelliti meteorologici polari (NOAA) è l’Antenna quadrifilare “QFH” progettata appositamente dalla NASA.

Rispetto ad una Turnstile, questo tipo di antenna gode di un guadagno maggiore e un lobo di irradiazione più uniforme.

La QHF altro non e’ che un doppio LOOP quadrato/incrociato, ad onda intera, ruotato di 180 gradi sul suo asse, per renderla a polarizzazione circolare destrorsa.

L’antenna vista dall’alto deve “ruotare” in senso antiorario.

L’antenna QFH e’ facilmente replicabile, in trasmissione a 137MHz presenta un ROS 1:1,2 viene alimentata con cavo RG-58 tramite Choke-RF/balun in cavo coassiale ed il connettore SO-239.

 

Materiale:

Tubo di rame (diametro 12mm) – per le curvature è preferibile utilizzare il rame cotto il quale è più malleabile

10 curve a gomito (90°) sempre da 12mm

1 mt di tubo in pvc (diametro 20 o 30mm) di tipo rigido (quello usato per gli impianti di condizionamento)

1 mt di cavo RG58

1 scatola piccola di derivazione (impianti elettrici)

1 attacco femmina SO239

Per il balun è necessario creare 4 spire con lo stesso cavo RG58

Per evitare che i due giunti a 90º si tocchino, se sono troppo vicini dopo il montaggio, potete inserirvi in mezzo un sottile foglio di plastica o altro materiale isolante.

È molto importante che questi non si tocchino assolutamente, altrimenti si mandano in corto le due linee di alimentazione dell’antenna, con le ovvie conseguenze che ciò comporta.

Magari potete poi bloccare il foglio di plastica o vetronite con un po’ di silicone o colla a caldo.

ATTENZIONE: l’antenna elicoidale quadrifilare QFH è un corto circuito DC, dunque bisogna prendere le dovute precauzioni nel caso in cui questa antenna viene collegata ad un ricevitore configurato per fornire una tensione ad un pre-amplificatore.

Questo tipo di antenna omnidirezionale deve essere installata all’esterno e in una posizione libera da ostacoli.

Il progetto originale a cui abbiamo fatto riferimento è quello di G0HPO.

Fonte https://officinahf.jimdo.com/antenne-satelliti/antenna-elica-qfh-in-rame/